Archivio per

L’esperienza di AGe Verona nel comodato libri di testo.

Lunedì 29 Ottobre si è tenuto un incontro tra il direttivo AGe, i rappresentanti di classe del plesso di Minerbe e gli gli amici di Age Verona presso l’aula magna della scuola Berto Barbarani.

Arianna, Stefano ed Adriano di AGe Verona hanno presentato la loro esperienza nel servizio di comodato d’uso dei libri di testo presso le scuole secondarie di primo grado dei quartieri S.Lucia e Golosine a Verona.

Un’attività ormai consolidata nel quartiere di Santa Lucia, dove il 98% degli alunni utilizza i libri di testo prestati dall’associazione genitori.

Attraverso il servizio di comodato, il genitore riceve in prestito i libri necessari per il proprio figlio, donando all’associazione un contributo di circa 80-100€, (circa 1/3 della spesa che dovrebbe sostenere acquistando i libri). Completato il ciclo di studi, i libri saranno restituiti all’associazione per poterli così riutilizzare.

Continua a leggere

Annunci

AFI: Lettera al premier Mario Monti ed al Ministro Riccardi.

Pubblichiamo la lettera del presidente dell’Associazione Famiglie Italiane (AFI) inviata il 5 Novembre u.s. a Famiglia Cristiana, al presidente Monti e al Ministro Riccardi.

Dopo il “Festival della Famiglia” concluso da poco a Riva del Garda si sono sentite solo vaghe promesse, ma niente di utile e concreto a sostegno della famiglia, vero caposaldo della nostra società.

 

Caro Direttore,
siamo stanchi di essere bistrattati ed ignorati.
Perciò l’Assemblea della mia associazione, riunita sabato 3 novembre a Sant’Antonio Abate (NA), mi ha incaricato di scriverle, accludendo un messaggio speciale per il ministro Riccardi che, in quanto illustre collaboratore del vostro giornale, siamo certi ne prenderà visione.
.
.

Caro direttore,

sono un padre di famiglia e dedico molto del mio tempo ad una associazione di famiglie che da molti anni, più di venti, cerca di diffondere la cultura della famiglia in tutti campi, anche quello politico.

Il Presidente Monti ha affermato di recente che “La famiglia è stata ed è tuttora una risorsa indispensabile per l’Italia, una risorsa talvolta data per scontata, ma è reale come la capillarità e la tenuta del tessuto familiare abbiano finora consentito di fronteggiare e risolvere molti problemi del paese” e che “la famiglia sarà un volano per la ripresa”.

Famiglia Cristiana, rispondendo ad un padre di cinque figli nel numero 45, afferma che il Governo, almeno a parole, ci crede alla famiglia, mancano però i fatti, anzi sembra proprio che si vada in direzione opposta a causa di “miopia politica dello Stato sul fisco, in quanto si guarda solo al reddito e non distinguendo mai la composizione del nucleo familiare”. Proposte ce ne sono tante, ma manca il coraggio di metterle in atto.

Condivido pienamente l’analisi, solo che, poche pagine dopo nello stesso giornale, c’è un editoriale del Ministro Riccardi che elogia il Piano Nazionale per la Famiglia appena approvato dal Governo, ed afferma che il Governo ha voluto un grande festival della famiglia a Riva del Garda per un incontro tra famiglie e politici per un dibattito sulla realtà familiare.

Peccato che il Ministro non dica anche che la fiscalità equa per la famiglia (il Fattore Famiglia) è stata tolta dal Piano nazionale per la famiglia e che a Riva del Garda la famiglia, quando c’era il governo presente, non ha avuto spazio di parola. Al presidente del Forum delle Associazioni familiari, Francesco Belletti, è stata tolta la parola (sì, tolta la parola) dopo solo tre minuti di intervento.

Non ci sono risorse, dice il Ministro, ma nel disegno di legge sulla stabilità erano stati ricavati “come per incanto” dai 4 ai 6 miliardi di euro per abbassare di un punto l’IRPEF “per le famiglie a reddito basso”, diceva il Governo stesso. Peccato che facili calcoli abbiano dimostrato che tali risorse sarebbero andate sicuramente ai redditi medio alti, indipendentemente dal carico familiare, tagliando fuori tutti i redditi bassi, soprattutto con carichi familiari (come dimostrato poi dalla stessa Corte dei Conti).

Marcia indietro, ora si ritira lo sconto IRPEF per aumentare il “cuneo fiscale”: detassare cioè impresa e lavoro. Sempre indipendentemente dal carico familiare . Ma quando mai questo Governo si accorgerà che dietro al salario, allo stipendio, c’è sempre una famiglia da mantenere e che non differenziare gli sgravi fiscali in base al carico familiare significa sprecare risorse dandone a che non ne ha bisogno e limitandole a chi invece di bisogno ne ha tanto?. E’ oramai chiaro che il Presidente Monti non sa minimamente che cos’è una politica per la famiglia. Sarà super esperto di finanza ed economia, ma non sa minimamente cos’è una politica per quella famiglia che “…è stata ed è tuttora una risorsa indispensabile per l’Italia “ e che “sarà il volano per l’Italia”.

Questo è ulteriormente dimostrato dal proclama che il presidente Monti stesso a fatto a Riva del Garda affermando: “destineremo 50 milioni di euro alle politiche per la famiglia”.

Ma la famiglia “risorsa indispensabile e volano per l’Italia” ha bisogno di elemosina? 50 milioni significano 2 euro per famiglia !!!!

Di elemosina si tratta Presidente, elemos ina, non politica familiare!!!

Ci aspettiamo dal Ministro Riccardi, che ha la delega alla politica per la Famiglia, attenzione vera, ascolto, competenza, per portare avanti nel Governo le numerose istanze e proposte che le famiglie, attraverso le loro associazioni, da tempo propongono.

Fattore Famiglia, per un fisco equo e a misura di famiglia, ad esempio. Non va eliminato dai piani, ma inserito ed avviato con determinazione, partendo con la necessaria gradualità. Le proposte in tal campo ci sono e sono molto più concrete di quanto il Governo ha inserito nel disegno di legge sulla stabilità. Le studi Ministro e le porti avanti con perizia e determinazione. Abbiamo bisogno di uomini che amministrino CON la famiglia e non per la famiglia. Questo ci aspettiamo da lei. Di chiacchiere i precedenti Governi e politici ne hanno fatte tante. Non le faccia anche lei ed ascolti, e non censuri, la voce della famiglia. Buon lavoro.

Daniele Udali

Presidente Afi – http://www.afifamiglia.it/

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire AGeMinerbe e ricevere le notifiche degli aggiornamenti sulla tua casella di posta.

Segui assieme ad altri 41 follower

Statistiche

  • 23.672 hits
Annunci