News, Rassegna Stampa

Politiche per la famiglia Il Comune brilla a Roma

Da l’Arena 19/10/2016

image

di Katia Ferraro

Trasferta romana per l’amministrazione comunale di Castelnuovo del Garda, che ha partecipato alla tavola rotonda sul tema «Le politiche comunali a sostegno della famiglia», organizzata in Campidoglio dal Forum delle associazioni familiari del Lazio e dal Centro per la pastorale familiare della diocesi di Roma in occasione della Settimana della famiglia.

Castelnuovo e Trento sono stati portati come esempi virtuosi che negli ultimi anni hanno saputo andare incontro alle esigenze delle famiglie introducendo agevolazioni economiche che tengono conto non solo della presenza di figli a carico, ma anche della loro età, dell’eventuale presenza di disabilità o cronicità sanitarie, dello stato occupazionale dei genitori e delle spese di mantenimento generali della prole. La buona pratica introdotta a Castelnuovo è stata illustrata dall’ex sindaco, oggi consigliere di maggioranza, Maurizio Bernardi, che ha sottolineato come il Fattore famiglia comunale (Ffc) applicato dal 2014 sostenga le famiglie realmente bisognose di agevolazioni, superando il limiti dell’Isee. Lo strumento è nato da un progetto congiunto tra il Dipartimento di scienze economiche dell’Università di Verona e i Comuni di Castelnuovo (capofila), Nogarole Rocca e Zevio, l’Associazione delle famiglie (Afi) e il Forum nazionale delle associazioni familiari.

È utilizzato per le rette delle scuole dell’infanzia, del nido comunale e per il servizio di trasporto scolastico e ogni anno, ha sottolineato Bernardi, sono 400 le famiglie castelnovesi che ne beneficiano. Il Ffc ha fatto scuola: ad oggi 32 Comuni in varie parti d’Italia hanno cominciato ad applicarlo o si stanno attrezzando per adottarlo. Ad accompagnare Bernardi anche il sindaco Giovanni Peretti, la consigliera con delega all’Istruzione Chiara Trotti e l’assessore al Bilancio Davide Sandrini. Tra i relatori Marcello De Vito, presidente del Consiglio del Comune di Roma, la sociologa del Censis Elisa Manna e il presidente della Provincia autonoma di Trento Luciano Malfer.

«Il convegno ha messo al centro del dibattito la situazione di difficoltà economica in cui versano le famiglie italiane», riferisce Bernardi, «unitamente al calo demografico nazionale confermato dai numeri relativi alla popolazione residente a Roma». Fronte, questo, su cui Castelnuovo risulta in controtendenza non solo rispetto ai dati nazionali, ma anche regionali e provinciali: «I dati su natalità, saldo naturale ed età media nel nostro Comune sono molto positivi», conclude Bernardi, «dimostrazione della bontà delle politiche familiari adottate». Dati riportati nella sesta edizione del Piano delle politiche familiari (luglio 2014) da cui emerge che dal 2004 il tasso di natalità a Castelnuovo è passato dal 9 per mille al 14 per mille della popolazione residente, con una stabilizzazione delle nascite dal 2009, in concomitanza con la crisi economica. Nel 2015 Castelnuovo ha superato quota 13mila abitanti.

Katia Ferraro
Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire AGeMinerbe e ricevere le notifiche degli aggiornamenti sulla tua casella di posta.

Segui assieme ad altri 41 follower

Statistiche

  • 23.726 hits
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: